Sei qui: Home » Festa di Halloween » Festa di Halloween: come decorare la zucca e truccarsi

Festa di Halloween: come decorare la zucca e truccarsi

Due sono gli aspetti fondamentali per festeggiare come si deve la festa di Halloween: il trucco/travestimento e la decorazione delle famose zucche! Vediamoli entrambi.

Festa di Halloween

Trucco per il travestimento di Halloween

La notte di Halloween si sta avvicinando e siamo alla ricerca di idee per travestimenti e costumi macabri al punto giusto per una delle feste più conosciute e amate dai più piccoli.

L’usanza di festeggiare Halloween risale alla notte dei tempi ed ha origini celtiche. Con i festeggiamenti della notte di Halloween ha preso piede anche l’usanza di travestirsi con costumi e decorazioni legate all’occulto. I simboli privilegiati sono generalmente gatti e pipistrelli perché, in passato, si pensava che avessero la capacità di percepire le anime dall’aldilà e, in alcuni casi, anche fare da ponte tra le anime e i vivi. Ecco perché, nella festa Halloween, molti si travestono con costumi da gatto o da pipistrello.

Anche i travestimenti e i costumi da strega vanno molto di moda perché si pensava che le streghe fossero persone particolari che potessero in qualsiasi momento contattare le anime dall’aldilà.

costumi di halloween

Per avere un travestimento perfetto che completi un bel costume di Halloween, però, ci vuole un trucco speciale. Quindi preparate trucchi colorati e seguite il nostro video per aver avere il più bel trucco per la vostra speciale festa di Halloween.

La decorazione della zucca

Il simbolo più importante e conosciuto di Halloween è sicuramente la zucca, ma perché e da dove viene l’usanza di decorare la zucca per festeggiare la notte di Halloween?

Nei paesi anglosassoni la zucca di Halloween è anche conosciuta come la Jack-o’-lantern, questo nome deriva da una leggenda irlandese che racconta la storia di un fabbro soprannominato “StingyJack”, un tipo molto avaro e sempre ubriaco. Una sera, proprio la notte di Halloween, Jack incontrò il Diavolo in persona, per ingannarlo e impedire al Diavolo di prendere la sua anima, Jack invitò il diavolo a bere qualcosa insieme a lui.

Jack fece finta di non avere soldi e invitò il Diavolo a trasformarsi in una moneta per poter pagare la bevanda. Il Diavolo, conoscendo Jack e la sua avarizia, si trasformò in una moneta, ma a questo punto, Jack fu furbo e si tenne la moneta e la infilò nella tasca dei pantaloni in cui c’era anche una croce. La croce impediva al Diavolo di riprendere le proprie sembianze. Per essere liberato il Diavolo promise a Jack, che se lo liberava, non avrebbe reclamato la sua anima per 10 anni e così Jack accettò.

Passarono 10 anni e il Diavolo ritornò da Jack per reclamare la sua anima, ma Jack fu di nuovo svelto e veloce e chiese al Diavolo di prendergli una mela da un albero, il Diavolo accettò e una volta sull’albero Jack disegnò una croce in modo che il Diavolo non potesse più scendere. A questo punto il Diavolo, per essere nuovamente liberato, promise a Jack di non reclamare mai più la sua anima.

Passarono gli anni e Jack morì, quando fu alle porte del Paradiso gli fu negato il permesso di entrare perché avevo vissuto una vita troppo dissoluta non degna del paradiso. Così andò all’inferno ma anche qui fu rifiutato perché il Diavolo aveva promesso di non reclamare mai più l’anima di Jack e quindi non poteva farlo entrare. Jack non sapendo dove andare e siccome il posto in cui si trovava era totalmente buio chiese al Diavolo qualcosa che facesse un po’ di luce. Ricevette così dei carboni ardenti che lui mise in una zucca bucherellata e la usò come lanterna… ed è con questa leggenda che la zucca è diventata il simbolo della lanterna delle anime dannate che non trovano mai pace ed è il simbolo più famoso della notte di Halloween.

Per avere decorazioni bellissime procuratevi una zucca enorme e seguite il video che abbiamo scelto per voi, la vostra casa sarà perfetta per una festa di Halloween speciale e decisamente misteriosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *